PanterarosaTV

Martedì 12 Novembre 2019

Pace del Mela

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

 

Indirizzo: P.zza Municipio – 98042 Pace del Mela (ME)

Telefono centralino: 090.9347111 - Fax Municipio:090.933085

Stato: Italia

Regione: Sicilia

Provincia: Messina

Zona: Italia Insulare

Latitudine: 38° 10' 51,60'' N

Longitudine: 15° 18' 25,56'' E

Altitudine: 114 m s.l.m.

Superficie: 12,10 km²

Perimetro comunale:

Comuni limitrofi:

Condrò,Gualtieri Sicaminò,San Filippo del Mela,San Pier Niceto,Santa Lucia del Mela

 Frazioni: Giammoro,

Nuclei abitativi: Calcarone, Camastrà, Cattafi, Gabbia, Gesita, Mandravecchia, Tagliatore, Torrecampagna

 Abitanti: 6.372 (30-6-2012)

Densità: 526,61 ab./km²

Nome di Abitanti:Pacesi

 Sito Internet:  www.comune.pace-del-mela.me.it

@: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Codice Fiscale:00106030836

Codice Istat: 083

Codice Catasto: G209

 Santo Patrono: Madonna delle grazie

Giorno festivo: 2 luglio

Descrizione Araldica dello Stemma:

Scudo di colore rosso sormontato da una corona ed incorniciato da due rami di alloro legati da un fiocco tricolore. Lo scudo raffigura una collina verde sulla quale spicca una torre bianca sovrastata da una colomba recante un ramoscello d'ulivo

Simboli: Collina, Colomba, Ramoscello d'Ulivo, Torre - Colori: Rosso, Verde

Decreti:

 Da vedere:

Chiesa Parrocchiale di Santa Maria della Visitazione (Chiesa Matrice) 

Edificata dai Benedettini del Monastero della Maddalena di Messina nel 1763, è stata eretta in chiesa parrocchiale il 24 luglio 1767, smembrando parte del territorio della chiesa parrocchiale di Santa Maria dell'Itria di Soccorso.

La chiesa conserva un organo a canne di autore anonimo datato 1750: lo strumento, a trasmissione meccanica, possiede un unico manuale e una pedaliera senza registri propri costantemente unita alla tastiera.

Chiesa del SS. Redentore fu costruita all'inizio del XX secolo dal possidente Antonino Lo Sciotto (m. 1908) su un terreno del fratello Giuseppe e restaurata nel 2002.

La Chiesa restò incompleta (senza volta, senza sacrestia, senza campanile) a causa di qualche divergenza di vedute tra l'avvocato Antonino e la sorella Caterina Lo Sciotto (1847-1912). Lavori secondari furono compiuti nei decenni successivi a spese della Chiesa stessa e di privati.

Chiesa Parrocchiale di Santa Maria del Rosario

Costruita negli anni Sessanta del Novecento per venire incontro alla notevole espansione abitativa che interessò in quel periodo la frazione di Giammoro, fu solennemente inaugurata nel 1971 e sostituì come chiesa parrocchiale il vecchio edificio sacro situato sulla Via Statale.

Chiesa di Santa Maria dell'Abbondanza risalente al 1720 e tuttora utilizzata come luogo di culto

Palazzo Baronale dei Gordone, ristrutturato per l'ultima volta nel 1706 e oggi cadente,

Edifici Bbenedettini

Numerosi edifici e monumenti, situati nell'antica Piazza di Santa Maria della Visitazione, testimoniano la lunga presenza dei benedettini a Pace, in particolare si segnalano:

Palazzo Crimi-Pugliatti, oggi appartenente all'omonima famiglia, che anticamente ospitava il cenobio dei frati Cassinesi.

Fontana del Cavalluccio marino, opera dell'artista messineseGiovan Battista Vaccarini

Palazzo Ilacqua-Caprì, dove nel 1868 fu ucciso l'allora capo della delegazione municipale, Dott. Nicolò Ilacqua (1816-1868) e che oggi ospita la Biblioteca ComunaleSalvatore Pugliatti.

Altre testimonianze della presenza dei benedettini sono il vecchio complesso rustico Case Monaci, al confine con Soccorso ed il cosiddetto Baglio, vasto cortile rettangolare nei pressi del Municipio, che un tempo era circondato da magazzini, frantoi e palmenti.

Edifici risalenti a Otto e Novecento 

In discreto stato di conservazione sono altri edifici di interesse artistico, risalenti agli ultimi decenni dell'Ottocento e ai primi del Novecento:

Palazzo Lo Sciotto, a pochi passi da Piazza Municipio, appartenne per varie generazioni alla più agiata tra le famiglie borghesi di Pace del Mela ed è oggi, dopo la morte, di Don Luigi Lo Sciotto (1899-1982), di proprietà del Comune;

Due Villini in stile Belle époque-Liberty entrambi situati nella frazione Giammoro:

Villino Crimi, costruito nel 1909 dal possidente Don Rosario Crimi su progetto del noto ingegnere messinese Letterio Savoja (1873-1948), quale dimora padronale di un'azienda agricola di cui permangono ancora alcune strutture;

Villino Certo, progettato del noto architetto messinese Camillo Puglisi Allegra (1884-1961) e costruito tra il 1915 e il 1930 su commissione del medico prof. Giuseppe Certo Garipoli (1843-1923), fratello del vescovo diSanta Lucia del Mela, monsignorFrancesco Certo

Villa Sturiale in contrada Catenella.

 Festa Patronale:

La festa religiosa più importante del comune di Pace del Mela è quella della Madonna della Visitazione, patrona del paese. La festa, che si svolge il 2 luglio di ogni anno, fu istituita nel 1706 dai monaci benedettini. Partendo dalla Chiesa Madre di Santa Maria della Visitazione, il gruppo ligneo della Visitazione, realizzato nel 1870 dallo scultore messinese Michele Cangeri viene portato in processione per le vie del paese.

La penultima domenica di agosto di ogni anno si tiene a Giammoro la festa della Madonna del Rosario, che comprende, oltre alla processione e ad altre manifestazioni di carattere religioso, anche una serie di eventi "profani", che attirano molti visitatori dai paesi circonvicini.

Si ricordano inoltre la festa del Santissimo Redentore, che si celebra la terza domenica di luglio, e quella in onore di San Giuseppe, che si svolge la seconda domenica d'agosto.

Nella piccola contrada di Camastrà, ogni tre anni il 24 di agosto viene portato in processione il simulacro della Madonna dell'Abbondanza.

 Eventi Culturali:.

Eventi Gastronomici:

Eventi sportivi:

Curiosità:

 Delegati municipali prima dell'istituzione del comune (1855-1926)

Nicolò Ilacqua (1816-1868), nominato il 15 marzo 1855;

Saverio Ilacqua (1785-1876), nominato il 12 ottobre 1856;

Nicolò Ilacqua (1816-1868), nominato il 10 marzo 1859;

Giovanni Cuzzaniti Gordone,Sindaco di S. Lucia del Mela, dal 19.11.1868;

.... (la delegazione rimane chiusa fino al 31 agosto 1870)

Giuseppe Lo Sciotto (1845-1910), dal 1º settembre 1870;

Gioacchino Cavallaro (1823-1910), dal 7 febbraio 1874;

Giuseppe Lo Sciotto (1845-1910), dall'11 febbraio 1886;

Saverio Ilacqua (1845-1912), dal 26 settembre 1887;

Giuseppe Schepisi (1833-1907), dal 19 dicembre 1888;

Angelo Cucinotta (1837-1913), dall'11 dicembre 1890;

Enrico Ilacqua (1849-1908), dal 27 ottobre 1897;

Enrico Ilacqua (1849-1908), dal 10 aprile 1900;

Francesco Lo Sciotto (1881-1930), dal 4 luglio 1907;

Salvatore Maggio (1857-1928), dall'8 settembre 1908;

Francesco Lo Sciotto (1881-1930), dal 24 agosto 1910;

Francesco Lo Sciotto (1881-1930), dal 19 ottobre 1916;

  1. AndreaGordone(1875-1962), dal 15 novembre 1920;

Giovanni Bruno (1892-1979), dal 15 gennaio 1921;

Antonino Parisi (1894-1969), dal 15 marzo 1924.

 Podestà (1926-1943)

Francesco Lo Sciotto (1880-1930), dal 17 luglio 1926;

Pietro Schepis (?-?), dal 26 settembre 1927;

Francesco Certo (1883-1952), dal 24 novembre 1928;

Edmondo de Giacomo (?-?), dal 20 agosto 1932.

Sindaci (1943-2010)

Luigi Lo Sciotto (1899-1982);

Mariano Trifirò (?-?)

Giovanni Pagano

Francesco Pagano

Guido Cavallaro

Santi Merulla

Giuseppe Sciotto

Natale Calderone

Carmelo Pagano

Antonio Catàlfamo

Giuseppe Sciotto

Mercati e mostre:

Risorse:

Dal punto di vista delle attività umane Pace del Mela ha una doppia anima: da una parte le tradizionali occupazioni agricole (coltivazione dell'olivo, della vite, degli agrumi), limitate oggi quasi esclusivamente alla zona collinare, dall'altra le più recenti attività artigianali e industriali che negli ultimi decenni hanno trovato collocazione lungo la fascia litoranea, soprattutto nell'area gestita dal consorzio ASI. Notevolmente sviluppata è anche l'attività commerciale, in particolare nella zona di Giammoro. Sono inoltre presenti tre istituti di credito, due uffici postali, due farmacie, un'emittente radiofonica, un periodico parrocchiale, un'associazione di volontariato a respiro regionale

Centri culturali:

Auditorium Comunale

Numeri Utili:

Siti nel Comune:

www.prolocopace.it

www.ttpacedelmela.it

http://www.comprensivopacedelmela.it

Impianti sportivi:

Strutture Ricettive:

Hotel Ristorante - La Panoramica Via Camastrà Tel. 090 933465

Trattoria Pizzeria - Doppia Zeta Via Nazionale Tel. 090 9385527

Trattoria Pizzeria - La MeridianaVia Nazionale Tel. 090 933465

Pizzeria Ristorante - Bella Sicilia P.zza Maria SS. della Visitazione, 18

Pizzeria Ristorante - Pirizia - Via Pace Giammoro

Pizzeria da asporto - La Bontà del Triangolo - Via della regione Tel. 090 9346003

Personaggi Illustri

Pace del Mela ha dato i natali a diversi peronaggi, la cui fama ha varcato la soglia dell'ambito locale. Tra i più noti ricordiamo:

Michele Crisafulli Mondìo (1881-1943), politico.

Paolo Vaccarino(1914-1989), scultore.

Giuseppe Vaccarino(n.1919), chimico e filosofo.

Nino Crimi (1929-1997), poeta.

Massimo Mollica19292013) regista e attore italiano.

Pietro Calogero, 1939, magistrato.

 Prof. Nino Amalfi (28.06.1885 - 27.12.1940), insegnante, commediografo e pubblicista;

 Capitano Angelo Amendolia (16.12.1909 - 29.01.1955), eroe della seconda guerra mondiale;

Poeta Nino Crini (30.8.1929 - 26.9.1997), apprezzato cantore dei paesaggi e dell'umanità siciliana;

 Don Silvio Cucinotta (13.03.1873 - 01.05.1928), sacerdote, giornalista e poeta, araldo del cattolicesimo sociale

Dott. Nicolò Pandolfo (16.09.1942 - 20.03.1993), primario neurochirurgo, medico esemplare per le sue doti professionali e umane;

 Giovanni Parisi (21.1.1897 - 25.5.1992), Ministro Generale del Terz'ordine Regolare di S. Francesco dal 1936 al 1947, autore di dotte pubblicazioni di contenuto agiografico e storico, una delle quali dedicate a Pace del Mela; Paolo Vaccarino (Aprile1914 - Luglio 1979) Scultore.

 Come si arriva:

In Auto

Percorrendo l'autostrada A 20 Messina - Palermo, allo svincolo di Milazzo - Isole Eolie. Si percorrono circa tre chilometri della S.S. 113 in direzione Messina e si arriva a Giammoro, da dove, attraverso un bivio lato monte, si arriva dopo tre chilometri a Pace del Mela centro.
 

In Treno

Fermata allastazionedi Pace del Mela per i treni regionali, alla stazione di Milazzo per gli altri treni.

 Cenni storici

Il territorio di Pace del Mela si estende dal mare Tirreno fino alle propaggini collinari dei Peloritani, innalzandosi gradatamente dalla quota zero della costa fino ad un'altitudine di 288 metri sul livello del mare. Su questo suolo dolcemente acclive è distribuito l'insediamento abitativo, il cui maggiore incremento ha avuto luogo negli ultimi quarant'anni.

Prevalgono, quindi, i fabbricati di nuova costruzione, le strade ampie e comode, le strutture pubbliche d'avanguardia. La popolazione (6000 ab. circa) è distribuita in massima parte fra il centro urbano (114 mt. s.l.m.) e la frazione di Giammoro, sede di numerosi esercizi commerciali, di studi professionali e di strutture pubbliche a destinazione sovracomunale (tra cui un Istituto Professionale per l'Industria e l'Artigianato, un consultorio familiare, un dipartimento per la salute mentale, un centro terapia assistito).

La presenza nel territori di grandi arterie di comunicazione (autostrada A20, ferrovia, strada statale 113) rende agevoli gli spostamenti e gli scambi con il capoluogo di provincia (distante appena 35 Km) e con le vicine cittadine di Milazzo e Barcellona P.G...

Sulle pendici dei Peloritani, nell'entroterra del golfo di Milazzo, si trova il centro di Pace del Mela, formatosi intorno al 1700 ad opera dei frati benedettini.

La sua forma allungata è parallela al torrente Muto vicino alla cui foce sorge Giammoro.
Pace Inferiore si sviluppò intorno alla Chiesa della Madonna della Grotta fatta costruire da Filiberto di Savoia, vicerè di Sicilia, supremo ammiraglio, e da Francesco de Mello.

Pace Superiore si trova menzionato nel secolo XVIII come casale nel Val Demone e nella diocesi di S. Lucia, mentre, Pace Inferiore dipendeva da Messina.

Il comune di Pace del Mela che prima dipendeva amministrativamente da S. Lucia del Mela è stato istituito nel 1921 ed è entrato in funzione nel 1928.

Pace del Mela fa parte del Consorzio del Tirreno come nucleo d'industrializzazione della provincia di Messina e in questi anni ha avuto un discreto sviluppo specialmente nel settore dei laterizi.
Fiorente è l'attività artigianale della lavorazione del ferro e del legno.

E' praticata inoltre l'agricoltura (vino, cereali, patate e olive), l'allevamento dei bovini, ovini, suini e il commercio dei prodotti agricoli zootecnici.

Etimologia (origine del nome)

E' un composto di Pace (dal latinopax, -cis) nel senso di "luogo tranquillo" eMela, che si riferisce al nome del fiume che a sua volta deriva dal grecomelas, ossia " nero", in riferimento al colore delle acque.

 Il Comune di Pace del Mela fa parte di:

Regione Agraria n. 9 - Colline litoranee di Milazzo

Patto Territoriale Milazzo

Unione dei Comuni Trinacria del Tirreno

Gemellaggi:

Trikala - Grecia

Limoges - Francia

Olbia - Italia

 Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Pace_del_Mela

Per aggiornamenti, suggerimenti, nuove idee, curiosità, foto e variazioni potete scrivere a:

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbiamo 24 visitatori e nessun utente online