PanterarosaTV

Martedì 12 Novembre 2019

Graniti

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

COMUNE DI GRANITI

Indirizzo:Via D'Agostino,  18  –  98036 Graniti (ME)

Telefono centralino: 0942.29389- Fax Municipio:0942.29005

Stato: Italia

Regione: Sicilia

Provincia:Messina

Zona:Italia Insulare

Latitudine: 37° 53' 25''N

Longitudine: 15° 13' 32''E

Altitudine: 320 m. s.l.m.

Superficie: m². 9.864.624

Perimetro comunale: m. 16.390

Comuni limitrofi:

A est: Gaggi, Mongiuffi Melia; a nord: Antillo; a ovest: Motta Camastra; a sud: Castiglione di Sicilia (CT)

Frazioni: Muscianò, Finaita, Pistilione e Fejo.

Abitanti: 1587

Densità: 172 ab./km²

Nome di Abitanti:granitesi (italiano) e granitari (siciliano)

Sito Internet: http://www.comune.graniti.me.it/

@:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Codice Fiscale: 01240170835

Codice Istat:083034

Codice Catasto: E142

 

Santo Patrono:San Sebastiano;

Giorno festivo:20 Gennaio;

Descrizione Araldica delloStemma:Interzato in palo: nel primo troncato d'azzurro con cinque gigli d'argento uno, due, due; nel II di verde a due bande d'oro, alla bordatura di argento, caricata di sette torri di rosso, due, due, due, una; nel secondo, interzato in fascia: nel I, partito, a) d'argento, alla torre di rosso, b) di rosso, al leone d'argento; nel II, di azzurro, ai tre gigli d'oro, due, uno; nel III, d'oro, ai sei gigli d'azzurro, due, uno, due, uno; nel terzo, d'argento, a sei palle di rosso, una, due, due, una. Ornamenti esteriori da Comune

Blasonatura del Gonfalone

Caratteristiche Stemma

Partizione del Campo: Interzato, Partito, Troncato

Simboli: Giglio, Leone, Torre

Colori: Argento, Azzurro, Oro, Rosso, Verde

Decreti:

Da vedere:

Chiesa a San Basilio Magno,

Chiesa a San Sebastiano,

Chiesa S Giuseppe che è collegata ad un convento di suore francescane

Riserva Naturale della Valle dell'Alcàntara

Le Gole dell'Alcantara nascono molto tempo fa, dall'eruzione, da parte del cratere Mojo a Nord dell'Etna, di un'enorme quantità di lava che si fece strada fino al mare.

Il percorso del fiume di lava è seguito da un corso d'acqua che si fa strada liberando due alte pareti di basalto caratterizzate da affascinanti forme prismatiche.

Il nome del fiume e della valle omonima, trova le sue origini nel periodo di dominazione araba, Al Qantarah, e si riferisce al ponte ad arco costruito dai Romani e capace di resistere alle irrompenti piene del fiume.

Le gole sono visitabili quando l'acqua del fiume è bassa, stivali e salopette sono l'equipaggiamento necessario per evitare di bagnarsi nelle acque sempre molto fredde.

Da maggio a settembre è il periodo ottimale per praticare il fiume, il resto dell'anno si può arrivare solo all'imbocco delle gole.

Discesi nel letto del fiume, si vede lo sbocco di una magnifica incassatura che l'Alcantara si è scavata nella lava.

La gola, larga pochi metri ma profonda oltre venti, si presenta orrida e selvaggia.

L'ingresso inferiore presenta le due pareti, nere strutture che si ergono una di fronte all'altra e si rincorrono verso il cielo.

I contrasti cromatici sono molto forti: il nero della roccia, l'azzurro del cielo e il verde dell'acqua.

 

Festa Patronale:  

Festa di San Sebastiano Patrono di Graniti (1 domenica di agosto)

 

Eventi Culturali:.

Festa dell'Albero (Novembre)

Eventi Gastronomici:

Sagra delle ciliegie (Giugno) nella quale si possono gustare ricette a base di ciliegie, sciroppo, marmellata, crostata e tanto altro ancora

Eventi sportivi:

Curiosità:

Nel 1890 Graniti è distrutto da una frana che sotterra letteralmente la Chiesa della Madonna della Misericordia.

Nella frazione Muscianò è presente una grotta luogo di una pretesa apparizione dell'immagine della Madonna ad una devota locale e nei pressi è stata realizzata dapprima una cappella e successivamente una chiesetta ad essa dedicata

Mercati e mostre:

Risorse:

Tra le attività prevalenti figurano: l'agricoltura (vigneti, uliveti, agrumi e mandorle); l'allevamento (ovini, bovini ed equini); e la trasformazione di prodotti agricoli e zootecnici.

Centri culturali:

Numeri Utili:

Farmacia Cannaò Maria Via Umberto I, 14 Tel. 0942-29464

Guardia Medica Via Roma, 144 Tel. 0942 29043

Siti nel Comune:

 http://members.xoom.alice.it/Epicarmo

Impianti sportivi:

Strutture Ricettive:

Ristorante A Casitta Contrada Missa  Tel. 0942 47047

Ristorante Flora Via Pineta Tel. 0942 29148

Personaggi Illustri:

Giuseppe Mazzullo scultore (1913),

Francesco Lo Giudice scultore (1936)

Antonio Mannino scultore (1946).

Giovanni Calabrò (1892-1948), il migliore autore di villotte, forma tipica della poesia friulana, sia proprio un siciliano, il gratinese che insegnò per molto tempo nelle scuole del Friuli.

Come si arriva:

Strade Statali

Graniti è a pochi chilometri dalla strada statale 114 che collega Siracusa con Messina e dalla strada statale 185 che mette in collegamento S. Biagio con Giardini Naxos.

 

Cenni storici:

Il paese di Graniti sorge in zona collinare nella vallata del torrente Petrolo affluente dell'Alcantara.

Graniti fu edificata in epoca saracena.

In epoca romana e normanna fu interessata da importanti avvenimenti del tempo come il passaggio nel suo territorio delle truppe di Ottaviano in fuga da Naxos e la marcia del conte Ruggero verso Troina, dopo l'espugnazione di Taormina.

In epoca aragonese il territorio di Graniti fu posseduto dal nobile messinese Mangiavacca, la cui famiglia esercitò per 74 anni la baronia del luogo.

Il nome di Casali di Graniti è già citato in un diploma del 1117. Si parla ancora del feudo di Graniti nel 1356 quando fu acquistato dal nobile messinese Giovanni Mangiavacca.

Nel 1370 il feudo di Graniti fu donato al conte Aidone Enrico il Rosso e nel 1402 passò al vicerè Michele Castagna e successivamente al nobile ligure Pollicino e al messinese Balsamo

Nel 1659 la terra di Graniti fu venduta alla Regia Corte al nobile Garsia Mestrilli, che la affrancò.

L'ultimo marchese di Graniti fu Domenico del Castillo.

Graniti fu anche interessata dagli avvenimenti storici conseguiti alla presenza austriaca e borbonica in Sicilia e ne subì i riflessi economici e sociali.

Il paese nasce nel seicento attorno ad un casale voluto dal conte di Taormina dell'epoca ma ha il suo maggiore sviluppo nell'ottecento.

Il nucleo più antico dell'abitato fu costruito in contrada Roccachiacchiera, dove vi sono ancor oggi case con stipiti in pietra scolpita a mano risalenti ai primi anni del XVIII secolo.

La nascita del comune di Graniti si fa risalire al 1816 e i primi documenti reperibili presso l'archivio comunale citano il primo sindaco nel 1820.

Etimologia (origine del nome)

Documentato con il nome di Granitis, deriva dal latino granum, seme.

Il Comune di Graniti fa parte:

Regione Agraria n. 10 - Colline litoranee di Taormina

Parco Fluviale dell'Alcantara

Patto Territoriale Valle dell'Alcantara

Per aggiornamenti, suggerimenti, nuove idee, curiosità, foto e variazioni potete scrivere a:

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbiamo 18 visitatori e nessun utente online